.
Annunci online

scelteditempo
...a giocare al futuro con me...
 
 
 
 
           
       

Me





"Forse fa male eppure mi va
di stare collegato
di vivere d'un fiato
di stendermi sopra il burrone
di guardare giù
la vertigine non è
paura di cadere
ma voglia di volare!"

Lorenzo


A little picture to describe my personality:



Already collected countries:


  

  

  

  

   

   

     

    

 



Next projects:

  

  

 

 

So...a passion for the world...




Another passion, languages! This is the symbol of the International
Day of Languages, on September 26th (Giulio's birthday too!!)




One of my favourite american TVseries, Desperate Housewives,
Tom and Lynette represent the couple I would like to build, and
don't say: "Yes, sure, it's a movie!". I believe they are really
close to the everiday life of a married couple, have a look here :-)



Lucie, Elieli and Iris (from the left to the right):



Eli and Noè:





I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
che tu venga all'ospedale o in prigione
nei tuoi occhi porti sempre il sole.

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
questa fine di maggio, dalle parti d'Antalya,
sono così, le spighe, di primo mattino;

i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
quante volte hanno pianto davanti a me
son rimasti tutti nudi, i tuoi occhi,
nudi e immensi come gli occhi di un bimbo
ma non un giorno ha perso il loro sole;

i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
che s'illanguidiscono un poco, i tuoi occhi
gioiosi, immensamente intelligenti, perfetti:
allora saprò far echeggiare il mondo
del mio amore.

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
così sono d'autunno i castagneti di Bursa
le foglie dopo la pioggia
e in ogni stagione e ad ogni ora, Istanbul.

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
verrà giorno, mia rosa, verrà giorno
che gli uomini si guarderanno l'un l'altro
fraternamente
con i tuoi occhi, amor mio,
si guarderanno con i tuoi occhi.


La cosa più fastidiosa quando mandi un messaggio a
una persona
a cui tieni è che dal momento dell'invio
parte il conto dei minuti. Rispondi, rispondi, rispondi.
Non ha risposto. Magari ha il
telefono
spento.
Magari non ha credito. Che faccio chiamo, faccio uno
squillo per vedere se è acceso? E se poi è acceso?
Squillo più chiamata: divento pesante.
Chiamo con anonimo. Solo che se faccio uno squillo
e poi metto giù capisce che sono io che controllo.
Lo capisce? Sì, lo capisce. A volte i minuti non sono
solo minuti, sono reincarnazioni di vite. Nell'
attesa
,
sono già rinata mille volte. Ho percorso tutta la catena
alimentare. Sono stata zanzara, armadillo, elefante





























 
13 ottobre 2007

Transmongolica in fiera!!

  


Per fortuna durante l'adolescenza avevo fatto pratica facendo una cosa simile in camera mia...



Orgogliosa ed entusiasta. Stanotte gongolo e dovrete lasciarmelo fare :-D
Ho passato l’intera giornata a Erba a preparare lo stand ed ho finito ora che sono le due del mattino! Ed ora devo farmi bella (cosa che richiederà ore ed ore nonchè un miracolo). Insomma lo stand è venuto una meraviglia! Il pannello centrale è occupato da mappe, foto di paesaggi (alcune ingrandite) e presentazione generale del viaggio. Si tratta della parte che ho chiamato “viaggio nei luoghi”. Poi, su uno dei pannelli laterali, ho deciso di mettere una sezione che ho intitolato “viaggio nell’altro”, con le foto di tantissima gente conosciuta per via (dai miei bambini, a Violette, a Dashka, a Bilegt, Sokho ecc.) e, infine, sul secondo pannello laterale, la sezione “viaggio interiore”, relativa al viaggio come condizione dello spirito, alcune foto di momenti particolarmente forti a livello emotivo (le dune, il viaggio invernale a Kirov...), un articolo del Corriere della Sera e una piccola parte del mio diario.

        


Sui pannelli ho usato anche le magliette prese in Russia, Mongolia e Cina, come elemento decorativo, e un qipao di seta blu (stupendo!) che ho preso a Beijing e che ha già riscosso un gran successo, specie tra le donne (lo vedete nelle foto sotto).

Poi didascalie e, sul tavolo che ho a disposizione: oggetti vari, il mappamondo che mi aveva regalato Giulio, l’orsetto del Baikal, le carte da gioco russe e mongole, copricapi russi e cinesi, libri e...il volantino!

Ieri sono stata a ritirarlo dal tipografo ed è bellissimo!!

Sulla copertina c’è l’immagine di una donna asiatica, stilizzata e molto suggestiva, all’interno un pezzo di diario che suggerisce alcune sensazioni di viaggio (quello che vi dicevo sopra), sul retro le date (10 febbraio – 8 agosto 2007) e la frase di Pessoa: “Chi compie un viaggio rischia di arrivare”.

Il volantino fa da cornice e “cartelletta” a un foglietto più piccolo, azzurro (mentre il volantino è rosso) contenente indirizzi mail e siti internet utili per organizzare il viaggio. Per finire, i cuscini delle Olimpiadi 2008 sulle due sedie dello stand!

                              

                  

Sono davvero entusiasta, già oggi ho conosciuto un mare di gente e fatto incetta di sorrisi, di quei sorrisi che si scambia la gente con una grande passione in comune, quei sorrisi che vogliono dire “Viaggiatore anche tu? Anch’io!”. Insomma sono nel mio elemento. Poi la mutti è stata grande, è stata con me tutto il giorno, mi ha aiutata e a pranzo abbiamo mangiato pane e cioccolata al volo, o meglio: lei mangiava e a me diceva “dai, Eli, continua che se no facciamo tardi!”.

Quando sono arrivata sullo stand c’era scritto “Viaggiatore AS 40. ASIA. Elisa M.V. C.” e già ero su di giri! Poi è venuto a chiacchierare un altro standista, un signore che è stato in mezzo mondo. Mi ha fatto un sacco di domande, poi guarda mia mamma e le fa: “E’ brava, la giovane” e mia mamma: “Sì, è proprio la sua vita”.


                            
            

                        

Sì, è proprio la mia vita. Non si può dire che questo. Io sono tagliata per questo e questo è tagliato per me. Mi viene bene. Mi viene naturale ed è bellissimo quando qualcosa viene naturale, spontaneo e allo stesso tempo provi passione. Sono una pasticciona e spesso dico la cosa più insensata e sbagliata al momento sbagliato, ho tanti difetti, sono egoista, impulsiva, molto meno coraggiosa di quello che sembra, cervellotica, impaziente, complicata e permalosa...e poi in questo periodo sono spesso triste e ho nostalgia. Tanta nostalgia. Tanta che a volte mi sembra impossibile provarne tanta. Anche se vado in giro, rido, chiacchiero...La mancanza la porto dentro...

                                       

Ma guardando la foto che ho ingrandito per la sezione “viaggio interiore”, una in cui cammino scalza sulle dune di Khongorin els (il momento più bello di 23 anni di vita) io sento che sono anche altro. Che sono pasticciona e triste ora. Ma che sono anche la stessa ragazza che camminava su quella duna con tanta di quella gioia dentro da non poterla esprimere.



    

Io sono ancora lei. E quindi sarò ancora così felice. Un giorno. Intanto viaggerò, sorriderò, conoscerò, mi prenderò cura, studierò, parlerò, mi lascerò conoscere e mi butterò nelle situazioni. E un giorno, all’improvviso, mentre starò facendo una di queste cose, so che mi sentirò felice di nuovo come quel giorno, quello là, sulla duna. E che come quel giorno ne sarò sorpresa, “confusa e felice”. E come quel giorno sarò piena d’amore, di entusiasmo, di gioia, di voglia. Intanto, come diceva Piumini: “Ora che il tempo è breve, vivere anche per l’inverno”.

Prima o poi la tristezza finirà. E sarò ancora “Sme”, vero Para?

Intanto vi aspetto domani o domenica, Lariofiere di Erba, provincia di Como, "Immagimondo, festival di viaggi e di culture", www.immagimondo.it. Domani è aperto dalle 10 del mattino alle 10 di sera, domenica dalle 8 alle 20. Faccio un po' di pubblicità! Ne vale la pena, vedeste quanti stand!

E ora veniamo alle cose serie, ai dilemmi amletici, alle eterne questioni dell'umanità...Che cosa mi metto?? No, dai, quello l'ho deciso ieri: giacca, camicia bianca, jeans scuri e scarpe col tacco. Ma i capelli sono meglio su o giù? fffff....

 Sciolti... ...raccolti? Forse è meglio sciolti ... fa meno seria... 
 ...sì, così troppo seria....bah... 




permalink | inviato da scelteditempo il 13/10/2007 alle 2:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

6 ottobre 2007

Vigeland mon amour

Eccomi qua, Anker Hostel (ve lo consiglio!).
Sono distrutta ma contenta. Non so se ho camminato piu oggi o un giorno a Mosca che ero andata da casa mia fino al monastero di Novodevichi a piedi (credetemi, e` un bel pezzo!).
Comunque, il parco Vigeland entra a pieno titolo tra le cose piu' spettacolari che ho mai visto in giro. In genere non sono una grandissima amante della storia dell`arte, ma ci sono autori che riescono veramente a stupirmi e entusiasmarmi. Quindi, avendolo tra l`altro appena scoperto, vi devo parlare assolutamente di quello che, a partire da oggi alle 10, e` il mio scultore preferito.
Non avevo mai sentito nominare Gustav Vigeland. Ieri, ascoltando i miei compagni di stanza che dicevano meraviglie in proposito, ho deciso di andare subito a vedere questo "Vigelandsparken".
Be`...e` una cosa spettacolare, gente!
La storia pare sia andata cosi`: questo Vigeland era uno scultore vissuto tra ottocento e novecento (dev`essere morto nel `43). Àd un certo punto della sua vita, quando aveva circa 50 anni, la citta` di Oslo gli propone un patto: gli regala un` amplissima estensione di territorio in cambio della garanzia che, da quel momento in poi, ogni sua opera, bozza di opera, lavoro artistico di qualunque tipo, rimanga alla citta`. Mica male come attestazione di stima, cosa dite?
Il buon Gustav non se lo fa ripetere due volte e, nel giro di vent`anni, da quel territorio nasce il parco Vigeland, un parco cittadino gia` naturalisticamente bellissimo ma con delle sculture che lo rendono unico! Infatti Vigeland decide di creare qualcosa che parli della vita, dall` inizio alla fine, e scolpisce nel granito 192 opere (per un totale di 650 figure) che emozionano per come sono "sentite". Intendo che non e` la solita cosa del ciclo della vita in stile "coppia-bimbo-bimbo cresce-adulto-sua progenie-vecchiaia-morte-fine". Le sue statue descrivono sensazioni, legami tra gli uomini: odio stima, affetto, amicizia, amore, passione, maturita`, rabbia, aiuto reciproco, violenza, disperazione, felicita`. vanita`, riflessivita`, bisogno di protezione, lotta per la sopravvivenza, malattia, salute, scoperta del mondo e tantissimi altri sentimenti e legami.
Tutte le statue sono in granito e Vigeland voleva che non fosse assolutamente proibito alla gente di toccarle, interagire con loro. Ed e` bellissimo in effetti: la gente le tocca, le accarezza (il granito e` poi cosi` liscio e la scultura cosi` dettagliata che sembra di toccare una persona viva!), i bambini ci si arrampicano, si mettono tra le braccia delle statue, gli innamorati si fanno le foto vicino alle statue che piu` evocano amore e dolcezza.
Appena arrivo a casa vi carico le foto che ho scattato io, intanto ve ne metto alcune che ho trovato su internet e che rendono bene l`idea.



Questa sopra e` la mia preferita







Il punto centrale e unificatore del parco e` il monolite che vedete in questa foto. E` costituito da 121 statue raffiguranti uomini e donne di tutte le eta` della vita che lottano per arrivare alla cima, alcune aiutandosi, altre spingendo altre figure verso il basso. Alcuni lo anno considerato un simbolo fallico (in effetti non hanno tutti i torti secondo me...) e altri come il simbolo della lotta per la sopravvivenza...Vigeland, quando glielo avevano chiesto, aveva risposto che "il monolite era la sua religione". Priapista? :-D

Per il resto: Holmenkollen (bellissima vista e dove si trova il trampolino per il salto con gli sci), Gol stavkirker (una delle famose chiese di legno della Norvegia, bellissima), palazzo reale, parlamento, viale principale, il Radhus, la fortezza medievale e...il tramonto ad Aker Brygge, il porto sul fiordo di Oslo...bellissimo...

Davvero una buona giornata...sara` che stamattina ho ricevuto ben 7 sms del buongiorno (a proposito...grazie!!), di cui uno non solo bello ma anche divertente (grazie bis!)

"Buongiorno! Stamattina Bensi. Sara` dura senza di te che prendi appunti in inglese e sbagli le date di un secolo..."

Sono cotta, ora vado su a fare una doccia (sempre se i miei compagni di stanza non hanno gia` avuto la stessa idea). Poi penso di dedicare la serata al quartiere dei locali, Grunnerløkka. Ma penso di andare a dormire relativamente presto, un po` perche` mi sento nelle gambe tutte le strade di Oslo e poi perche` domani sveglia presto...SI VA A BERGEN, Sognefjord!!

Morna!

Eli

ps: sto cominciando a pensare che in camera mia dovrei costruire un altarino a signor Ryan, con la sua foto, un modellino del suo aereo...e tutti i giorni offrirgli incenso (se non fosse che mi fa schifo), dolci e fiori, come a quei buddha che ho visto nei templi in Mongolia! I viaggi mi staranno rendendo un po` blasfema? Noooo






permalink | inviato da scelteditempo il 6/10/2007 alle 19:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

5 ottobre 2007

Norvegia, giorno 1: Oslo!

 Dico solo una cosa: WOW!

E vorrei ribadire: WOW!!

Con tanti sentimenti tutti insieme,

Eli

 






permalink | inviato da scelteditempo il 5/10/2007 alle 20:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

28 aprile 2007

Just my vaccination - Cranberries :-D

"Il pleut il mouille c'est la fete à la grenouille la grenouille est à l'abri dessous son grand parapluie..."

"Stanno annaffiando le tue rose
non c'è il leone
chissà dov'è..."

Adriano Celentano

"Forte come un fiore
dolce di dolore
bella come il vento che ti ha fatto bella amore"

Lorenzo Cherubini detto Jovanotti :-D

"A salvarmi
vieni a salvarmi
salvami
bacia il colpevole!"

Afterhours

Oggi sono felice! Sarà perchè è scoppiata la primavera su Mosca e fuori si sta da Dio, sarà perchè la vaccinazione di stamattina ha effetti tipo alcolici, sarà perchè la mia camera è strapiena di buona musica, sarà perchè stanotte Lucie ha dormito nel mio letto e io per terra e prima di dormire me la sono coccolata un po' per curare la sua tristezza. Sarà perchè l'altro ieri ho giocato con Noè al "salto del francesino" e al "sollevamento del francesino", sarà perchè un po' dei miei dubbi sull'amore forse si dipanano, sarà che ieri sera ho chiacchierato con il mio amico Cheko che ha poteri taumaturgici ma non si deve sapere troppo in giro, sarà perchè mi ha chiamato un'amica americana per andare al Cremlino domani, sarà che sono riuscita a prenotare dall'estetista in russo, sarà che Iris viene a farmi le sue piccole confidenze come una sorellina, sarà che Bruno è sempre fortissimo e nella causale del versamento per lo stipendio del mese scorso ha scritto "grazie di tutto". Sarà che gli ospiti sono simpatici (a parte Angelo che è un po' pesantino), sarà che Marina è stata al cena al Mariott per festeggiare il compleanno con Andrej e Yekaterina Andrevna. Sarà che lei, Marina, è un po' come la sorella maggiore che ho sempre sognato, sarà che a giudicare dagli sguardi degli uomini per strada forse non sono così brutta come credo 24 ore al giorno. Sarà che ho amiche fenomenali e amici stupendi. Sarà che tu, mutti, sei un'amore di mutti. Sarà che i tuoi occhi non sembrano avere problemi ma il rossore è solo un problema dermatologico e psso tirare un sospirone di sollievo. Sarà che ieri sera a cena si è riso, scherzato e mangiato il granchio, radiottivo ma buonissimo, della Kamchatka. Sarà che mio padre mi ha chiamato ieri per dirmi che il 7 prende un giorno di ferie perchè il giorno in cui torno, se pure per poco, per lui è un giorno di festa. Sarà che oggi sono positiva e riesco a pensare che mia sorella Giulia mi ami ancora come mi amava a novembre, che torneremo le sorelle Cosio di sempre. Sarà che oggi e a maggio arrivano italiani in partenza per la transiberiana e mi hanno chiesto di incontrarci, sarà che la mia Transmongolica prende sempre più forma e Silvia e Paolo sono a posto con il visto russo. Sarà che il dottor Gautier del Centro Medico Europeo mi ha accolto facendomi le feste. Sarà che il figlio della Pisoni mi ha scritto che le darà l'indirizzo di questo sito, sarà che andare in giro per il mondo è fantastico. Sarà che l'ottimismo è il profumo della vita come dice Guerra, sarà che è bello il sole e sentirsi un po' rinascere e sarà che in questi momenti importa poco se domani sarò di nuovo triste. Ora sono pienamente consapevole di essere una ragazza fortunata. Sono felice. Stringo il mondo in un abbraccio da cui restano fuori i cattivi pensieri, perchè oggi è primavera su Mosca forse. E Mosca è così, una donna incostante, ma che quando è solare ti cambia l'umore e la visione sul mondo.








permalink | inviato da il 28/4/2007 alle 11:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

22 aprile 2007

Lollipop Parade - Sunday afternoon in Moscow

Domenica pomeriggio in Tverskoy bulvard 9: Elisa e Lucie fanno aerobica insieme. Lucie in teoria dovrebbe fare il personal trainer ed Elisa gli esercizi, ma poi ci si diverte e basta! Have a look:

 

















permalink | inviato da il 22/4/2007 alle 14:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

Martuzza
Laura
Nuvolebarocche - Andrea
Silvia Krakatau
Triste colore rosa (gruppo musicale)
Lucie
Lady Liberty - Elena
Lazzaro Blu
Giramondo



me l'avete letto 65384 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     aprile